Darie, mangiare rumeno a Tokyo

21 06 2009
Insegna del ristorante

Insegna del ristorante

Qualche tempo fa avevo, mentre leggevo su internet informazioni sui ristoranti di cucina straniera a Tokyo, ho trovato una recensione a dir poco entusiastica dell’unico ristorante di cucina Rumena che si trova in città.

La descrizione, fatta da un rumeno, ne parlava in maniera così superlativa, esaltando addirittura questo ristorante come il miglior posto al mondo in cui aveva mai mangiato dei piatti tipici della Romania così genuini e ben preparati!

Così mi sono detto: super tare! Non posso non provarlo! E alla prima occasione utile, cioè ieri, sono andato a pranzare lì.🙂

Il ristorante si chiama Darie, e si trova a Ginza sulla strada pricipale (Chūō Dōri), poco distante dalla stazione (uscita A2, due isolati più avanti sullo stesso lato della strada). Seguendo il modo giapponese, a pranzo propongono dei menu a un certo prezzo, e a cena altri, decisamente più alti.

Nonostante si tratti di cucina estera, e così ben fatta, il pranzo può essere davvero economico (per essere in Giappone)! Ecco cosa ho mangiato io:

  • ciorba (anche se dalla consistenza penso che fosse più supa, cioè zuppa, che ciorba…)
Ciorba, con pane e burro

Ciorba, con pane e burro. Il fazzolettino sulla destra... quello è tipico giapponese ovviamente.....!

  • mititei, polpettine di carne tipiche (dette anche mici) con contorno
Mititei

Mititei

accompagnati da pane e burro:

Pane e burro

Un po' più di pane non mi sarebbe dispiaciuto però!

e per finire in dolcezza….

  • papanașu (leggi “papanashu”) e caffè!!
Papanașu: yum yum yum!!!!

Papanașu: yum yum yum!!!!

Ecco… io non sono rumeno, ma ci sono stato 3 volte e per quello che posso ricordare… questo pranzo è stato ottimo! I mititei erano davvero buoni (il contorno un po’ scarsino, ma per le quantità… siamo sempre in Giappone!), e il papanashu (non ho saputo resistere alla tentazione!) a dir poco fenomenale!  Foarte bun!!! Prima di oggi, l’avevo mangiato solo 1-2 volte, ma questo è senza dubbio il migliore in assoluto che abbia mai mangiato! Incredibile!

Il ristorante si trova al piano B1 (il primo sottoterra), è piccolino e ben arredato in stile tradizionale, con tante decorazioni ed anche le cameriere vestite in abiti tradizionali rumeni!

Tanti oggetti tipici tradizionali rumeni

Tanti oggetti tipici tradizionali rumeni

Alcune decorazioni nel locale

Alcune decorazioni nel locale

Al pranzo si può ordinare un “set” (zuppa + pane o riso + portata principale + caffè) al prezzo di 950 ¥ senza dessert, o di 1500 ¥ con papanashu, davvero un ottimo prezzo. I set proposti a pranzo variano a seconda del piatto principale: ieri, oltre a quello con i mititei che ho mangiato io, c’erano un set con tokanisha e uno con merluzzo in salsa piccante (?). Ma si può ordinare anche altro, ovviamente. E non mancano “chef no o susume ranchi”, ovvero “il pranzo consigliato dallo chef”, e il pranzo “speciale”.

Pane e burro

Il menu (pranzo) del giorno.

Il pomeriggio, dalle 13.30 alle 16.30, tea-time, mentre la sera per cena si spende mediamente a partire da 3000 ¥!

Chissà se avrò occasione e tempo per tornarci, magari porto qualche amico o collega a provare un po’ di vera cucina rumena!

Ecco qualche link:

Avrei voluto scrivere un po’ più in rumeno, ma quel poco che sapevo l’ho dimenticato, o è lì da qualche parte del mio cervello nascosto e impaurito dal tanto giapponese che è entrato negli ultimi mesi!!

A presto, paaaaa!!


Azioni

Information

4 responses

21 06 2009
giupan

Da http://www.secret-japan.com/forum/ginza-restaurants-european-food-t224.html#416 :

Darie – Romanian *****
Reviewed by Florin Arsene

Address – Tokyo-to, Chuo-ku, Ginza
Opening hours – 11:30 to 15:00 and 17:00 to 22:00
Telephone – 03-3573-3630
Menu – In Japanese and English
Credit Cards – OK

“The name Darie is a male name, I wouldn’t be surprised if it came from a kingly background – anyway, it’s a bit unusual even for Romanians and it’s not very frequent. I remember from older writings (17th century) that they used to call King Darius like this. In modern times, the Persian name is “Darius” in Romanian.
I didn’t believe it when a former colleague told me in 1988 that one of his favorite restaurants in Tokyo was a Romanian one, and then gave me names and descriptions. I thought: “Yeah, yeah, maybe he read about it somewhere and now he wants to amuse me…” When I visited Tokyo one year later, Tomo made it a point to escort me ceremoniously to Darie (where he made sure the staff knew they had a genuine Romanian with them that night). Tomo, who just like the staff was Japanese, wanted to know if the fare was anything like what I thought it should be.

So, at Darie I was glad to report to all concerned that the food was superlative and, to my taste, at least as good as any that I remembered. (I left the country seven years earlier, did not go back meanwhile, Romania was still under Ceausescu, and likely there were not too many of my compatriots in Japan at the time with the exception of the Romanian Embassy staff, who probably got their fix of Romanian cooking at home anyway!)

My latest personal info is older than four years old; my first personal visit was in 1989 (worked for a Japanese company during that interval). During this time, the quality and diversity did not vary, that is to say that I thought everything was outstanding. The latest report that I have received from a former colleague dates back to last February, and confirmed that the place was “the same.” By all means, call the place up, see if Mama-san tells you how she came upon the idea to open the restaurant. The interior decoration was Romanian also. I was amazed and pleased; I didn’t think that I could get such patriotic feelings because of the restaurant- places (Romanian) I had seen before in LA, New York, Germany or Austria surely did nothing for me. This one did. When I saw the name on your site, I thought to write a note.
That place has the best Romanian food, anywhere in the world (with the possible exception of a couple of high class outfits in Romania, but even those won’t match it in the attention to detail and following of consecrated cuisine), period. That is, if your ambition is to find the best Romanian food – if not, you’ll find a pleasant offering (recommend eggplant salad, mititei, ciorba de perisoare, and tocana with mamaliga; the plum brandy is slivovitz-like, and the wine a little thicker then the Austrian one, not much else, but worth a try – Pinot Gris Tirnave and Sauvignon Blancs are better bets, as the Chardonnays are sweet and not much else; redwise, Murfatlar is chewy, and the best to have is probably Nicoresti – if not, Dealul Mare. When I went there and they found themselves a genuine Romanian, they brought out samples of everything, asking me if it was good and authentic-tasting. I believe it was. Bottom-line: a decent alternative to those German/Swiss/Austrian places on your list. Let me know how it turns out.”

22 06 2009
いちご

Giupaaaaaaaaan!!!
Finalmente sei tornato!!!
Maledetto, quanto pensavi di farmi aspettare? Ho passato tutto il mese a visitare il blog ogni giorno in attesa di aggiornamenti ù_ù
Ho saputo che Salvo probabilmente viene a trovarti! Beato lui! Mi ha pure detto che probabilmente dovrà arrivare a casa tua da solo e che per entrare non ci sono problemi. Raccontaci un po’ questa storia della combinazione O.o com’è che non ci sono chiavi lì in giappone?

La cucina Rumena non l’ho mai assaggiata in realtà e la prima zuppetta è talmente colorata che mi vien da chiedermi che accidenti sia. Ho quasi paura di saperlo. Il secondo ha un bell’aspetto anche se il contorno… fa un po’ di tristezza!
Il dolce… ohddio! Fa ingrassare solo guardandolo! Di cosa è fatto? *_*

22 06 2009
giupan

Eheheh😀 che blog sarebbe followers fedeli come te🙂 Chiedo umilmente schiuma per il ritardo, ma a dire il vero ho un bel po di cose iniziate e quasi pronte da pubblicare, e mi manca solo qualcosina o qualche foto per farlo, ‘nu poc’ i pazienza!😉

Salvo… si si… finalmente!!
Purtroppo all 99,9% (percentuali mourinhane) lavoro e non potrò andarlo a prendere… Vedremo in quale provincia del giappone lo ritrovo dopo qualche ora!😀 Mi toccherà fargli una guida superdettagliata! In realtà raggiungere casa mia non è difficile, nè troppo distante… ma calandomi in un newcomer in Giappone, che non sa leggere un solo hiragana… si divertirà!
Non posso fornire troppi dettagli sulla casetta, tutto top-secret😛
Scherzo… cmq, in genere hanno le chiavi, io no… menomale, una cosa in meno da perdere! L’unico inconveniente è dover ricordare la combinazione in ogni situazione, anche quando rientri la mattina presto brillo… ma in realtà diventa un meccanismo automatico, che lo fai senza pensarci (ecco, guai a concentrarti per cercare di ricordare che tasti pigiare….)

La cucina rumena è buonissima. Forse un po’ grassa, ma a me piace tanto.
La zuppetta la vedi con quel colore biancastro perche loro usano mettere un cucchiaino di “smantana” (simile alla nostra panna, ma un po’ acida)😉
Ciao!

25 09 2009
Gazelle

Che coincidenza, io sono rumena e il mio cognome è proprio Darie. Visto che hai lodato cosi tanto quel ristorante dovrò andare a provarlo (sempre che sia prima che io possa arrivare in giappone).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: