Kawagoe Matsuri

25 10 2008
Posizione geografica

Kawagoe

Domenica scorsa, 19 Ottobre, siamo andati a Kawagoe, città che si trova nella prefettura di Saitama, a circa mezzora di treno da Ikebukuro (Tokyo), ma 1h30 da casa mia che si trova esattamente dall’altra parte! Kawagoe è anche chiamata Koedo (piccola Edo) per la somiglianza stilistica di alcune case e templi che ricordano l’antica Edo, vecchio nome della città di Tokyo. Tuttavia non siamo andati per visitare la città (magari un giorno ci tornerò apposta), ma per assistere ad uno dei più famosi Festival della regione del Kanto, che si svolge ogni due anni ad Ottobre, da circa 350 anni.

Il Kawagoe matsuri (festival) dura di 2 giorni, ed attira tantissima gente (anche 1 milione in tutto, in 2 giorni).

E’ caratterizzato dalla parata di una serie di splendidi carri in legno (paragonabili ai nostri carri carnevaleschi) decorati con intarsi e lanterne. Su di essi alcune persone in abiti e maschere tipiche danzano e suonano a ritmi sempre più incalzanti. Le maschere rappresentano figure storiche o personaggi di racconti e leggende popolari.

Carro

Carro

DettagliDettagli

Dettagli

I carri, piuttosto grandi, vengono spinti e trascinati con corde, e il corpo principale può rotare sulla base in modo da rivolgere la parte del palco in diverse direzioni verso il pubblico, nei momenti in cui stanno fermi.

La parata raggiunge l’apice nei momenti in cui 2 carri vengono fatti scontrare frontalmente, in una sorta di battaglia musicale: sulla strada, tra i due carri, un gruppo numeroso di persone si alzano e abbassano, urlando ed agitando delle lanterne.

Nel frattempo, ai lati delle strade per cui si snoda il festival ci sono numerosissime bancarelle, come nelle nostre fiere di paese per il santo patrono. E la maggior parte vende…. cibo!

Tipicamente si tratta di cibi cotti/fritti su una piastra molto grande, yaki, da cui prendono il nome. Takoyaki (polpette fritte/infornate di polipo), Okonomiyaki ricchissimi e pesantissimi, Yakisoba (spaghetti soba fritti e conditi da tanta, tanta, onnipresente salsa di soia), Yakitori (spiedini di pollo)…

Donna prepara okonomiyaki

Donna prepara okonomiyaki

Altra tecnica di preparazione di okonomiyaki

Altra tecnica di preparazione di okonomiyaki

Patate cotte al vapore (tecnica di cottura molto usata in oriente) e servite con sale, burro e mayonese a piacere. E ancora… pesci “infilzati” e semplicemente fatti cuocere su una brace di carbone ardente!

Sakana (pesce)

Sakana (pesce)

E non potevano mancare i dolci! Banane ricoperte di cioccolato fuso (anche con diversi gusti: melone, fragola, …) e praline di zucchero! Dolcetti ripieni di immancabile (anch’essa) marmellata di fagioli! E tra gli altri ricordo una sorta di grattachecca che ti offre in un largo bicchiere del ghiaccio frantumato su cui puoi versare a piacere sciroppi colorati di diversi gusti.

Chocobananas!

Chocobananas!

QUI trovate tutte le altre foto.


Azioni

Information

One response

25 10 2008
Mr.Williams

Effettivamente il carnevale di Acireale è un pò diverso…xò senza farlo apposta i carri si scontrano lo stesso…e le banane te le tirano in testa!:P

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: